CONFARTIGIANATO \ News

CORRESPONSIONE RETRIBUZIONI: DAL 1 LUGLIO VIETATO IL CONTANTE

Informiamo le imprese associate che dal 1 luglio 2018, gli stipendi dei dipendenti e collaboratori, nonché ogni anticipo o acconto degli stessi, non potranno più essere pagati in contanti (salvo sportello bancario o postale dove il datore di lavoro abbia aperto un conto corrente di tesoreria con mandato di pagamento), ma esclusivamente con uno dei seguenti mezzi:

  1. bonifico bancario;
  2. strumenti di pagamento elettronico;
  3. assegno consegnato direttamente al lavoratore o, in caso di suo comprovato impedimento, a un suo delegato. L’impedimento si intende comprovato quando il delegato a ricevere il pagamento è il coniuge, il convivente o un famigliare, in linea retta o collaterale, del lavoratore, purché di età non inferiore a 16 anni.

Per la violazione a tale obbligo viene applicata una sanzione amministrativa pecuniaria da € 1.000,00 ad € 5.000,00.

Per maggiori informazioni, è possibile contattare gli addetti dell’Ufficio Paghe di Confartigianato Imprese presso una delle sedi territoriali.

Articolo presente anche in:
Paghe e contrattualistica