SERVIZI \ Fare impresa: iscrizioni, modifiche, cancellazioni

INAIL

Come noto, l’INAIL tutela il lavoratore contro i danni fisici ed economici derivanti da infortuni e malattie causati dall’attività lavorativa ed esonera il datore di lavoro dalla responsabilità civile conseguente all’evento lesivo subito dai propri dipendenti, salvo i casi in cui, in sede penale o, se occorre, in sede civile, sia riconosciuta la sua responsabilità per reato commesso con violazione delle norme di prevenzione e igiene sul lavoro.

L'Obbligo Assicurativo
All’assicurazione sono tenuti tutti i datori di lavoro che occupano lavoratori dipendenti e lavoratori parasubordinati nelle attività che la legge individua come rischiose. Gli artigiani ed i lavoratori autonomi dell’agricoltura sono tenuti ad assicurare anche se stessi.

La denuncia di esercizio
Il rapporto assicurativo ha inizio con la denuncia all’INAIL dell’attività esercitata. Il datore di lavoro, contestualmente all’inizio dell’attività, deve darne comunicazione all’INAIL. Se, per la natura dei lavori o per l’urgenza del loro inizio, non è possibile fare la denuncia contestuale, la comunicazione può essere effettuata entro i 5 giorni successivi all’inizio delle attività, motivando il ritardo

Il premio
Il costo dell’assicurazione, chiamato premio, è a carico del datore di lavoro, dell' artigiano o del lavoratore autonomo dell'agricoltura. Per i lavoratori dipendenti il premio si calcola sulla base delle retribuzioni e della pericolosità della lavorazione svolta.
In particolare:
• per gli artigiani, fermo restando che il calcolo tiene conto della pericolosità della lavorazione svolta, si fa riferimento alla retribuzione minima annua imponibile agli effetti contributivi;
• per i medici liberi professionisti possessori di apparecchi RX il premio si calcola in relazione al tipo di apparecchio e alla quantità delle sostanze radioattive in uso.
Per i lavoratori parasubordinati, il premio ordinario è ripartito nella misura di un terzo a carico del lavoratore e di due terzi a carico del committente. L'obbligo del versamento del premio è in ogni caso a carico del committente

L'autoliquidazione del premio
E’ il sistema stabilito dall’INAIL per il pagamento del premio di assicurazione. Al datore di lavoro, entro il 16 febbraio, sono richieste alcune semplici operazioni:
• dichiarare le retribuzioni pagate nell’anno precedente
• calcolare il premio anticipato sulle retribuzioni corrisposte l’anno precedente, detraendo eventuali agevolazioni contributive
• pagare la somma dovuta all’INAIL, data dal premio anticipato e dall’eventuale conguaglio relativo all’anno precedente, in unica soluzione oppure in forma rateale, utilizzando il "Modello di pagamento unificato - F24", che consente di compensare direttamente debiti e/o crediti nei confronti di più enti pubblici. "
Denuncia di infortunio e malattia
In caso di infortunio sul lavoro, il lavoratore deve informare subito il datore di lavoro che, entro 2 giorni dalla data di ricevimento del certificato medico, deve effettuare la relativa denuncia all’INAIL. Nei casi di infortunio mortale, la denuncia deve essere effettuata con telegramma entro 24 ore dall’evento. In caso di manifestazione di malattia professionale, il lavoratore, entro 15 giorni, deve informare il proprio datore di lavoro consegnando anche il certificato medico. Il datore di lavoro, entro 5 giorni dalla data di ricevimento del certificato medico, deve presentare la relativa denuncia all’INAIL.

I lavoratori tutelati
Sono tutelati dall’INAIL tutti coloro che, addetti ad attività rischiose, svolgono un lavoro comunque retribuito alle dipendenze di un datore di lavoro, compresi i sovrintendenti ai lavori, i soci di società e cooperative, i medici esposti a RX, gli apprendisti, i dipendenti che lavorano a computer e registratori di cassa ed ai sensi degli artt. 4 e 6 del decreto legislativo n°38/2000 anche i soggetti appartenenti all'area dirigenziale e gli sportivi professionisti dipendenti. Sono altresì tutelati gli artigiani ed i lavoratori autonomi dell’agricoltura nonché ai sensi dell'art. 5 del Decreto legislativo 38/2000, i lavoratori parasubordinati che svolgono attività di collaborazione coordinata e continuativa

Il premio
Il costo dell’assicurazione, chiamato premio, è a carico del datore di lavoro, dell' artigiano o del lavoratore autonomo dell'agricoltura. Per i lavoratori dipendenti il premio si calcola sulla base delle retribuzioni e della pericolosità della lavorazione svolta.
In particolare:
• per gli artigiani, fermo restando che il calcolo tiene conto della pericolosità della lavorazione svolta, si fa riferimento alla retribuzione minima annua imponibile agli effetti contributivi;
• per i medici liberi professionisti possessori di apparecchi RX il premio si calcola in relazione al tipo di apparecchio e alla quantità delle sostanze radioattive in uso.
Per i lavoratori parasubordinati, il premio ordinario è ripartito nella misura di un terzo a carico del lavoratore e di due terzi a carico del committente. L'obbligo del versamento del premio è in ogni caso a carico del committente.